Siamo pronti per il Web? La checklist.

La scelta di affrontare un progetto editoriale online, di qualsiasi entità e forma (blog, newsmagazine, sito, ecc.) passa attraverso un’attenta analisi del punto di partenza.

Se penso a tutte le persone che ho incontrato in questi anni e che mi hanno chiesto “dovrei farmi un sito web, secondo te da dove dovrei iniziare?”, mi vengono in mente visi smarriti, espressioni di sorpresa ma, soprattutto, un po’ di ignoranza!

Il web è per molti, ma non per tutti. Non sempre un sito web è la soluzione migliore, non sempre la presenza in un social network è garanzia di fatturati da sogno o di un brand solido e ben visibile.

Esistono realtà produttive e organizzative che per mille ragioni possono anche fare a meno di una presenza in rete. Per altre, invece, l’assenza dal web può significare “estinzione”.

Poi, anche tra quelle realtà che possono effettivamente trarre vantaggio dalla presenza online, va detto che non tutti sono immediatamente pronti per affrontare quest’avventura che richiede un minimo di investimento in termini di denaro, risorse tecniche e, soprattutto, persone e idee.

Come mi è capitato di scrivere in altre occasioni, dal momento in cui siamo online siamo esposti ad una molteplicità di soggetti e le potenzialità di tale esposizione possono sfuggirci di mano. Il caso del Personal Branding al negativo (ovvero quando le cose vanno male!!!) è un esempio di come sia indispensabile riflettere bene su tutti gli aspetti connessi alla scelta di gettarci nel 2.0, nel 3.0 e via dicendo!!!

Ho provato ad esplorare quali siano le domande chiave da porci prima di chiedere una consulenza di questo tipo, prima di decidere di investire per chiamare un consulente che ci lanci nel web, che ci impegni a gestire una pagina Fan di Facebook, un profilo di Twitter o di YouTube, o che semplicemente ci proponga un sito internet di ultimissima generazione.

Una nota: uso il temrine “progetto editoriale” per raccogliere qualsiasi tipo di presenza online, dal sito internet ad una strategia strettamente connessa con i social media. E, ovviamente, mi rifierisco a tutte le combinazioni possibili.

Progetto Editoriale.

1. Perchè abbiamo intenzione di andare sul web? Cosa ci aspettiamo di ottenere?

2. Abbiamo chiari in mente gli obiettivi del progetto editoriale nel suo complesso?

3. Abbiamo chiarito le funzioni comunicative di ogni sezione, strumento, pagina, ecc?

4. Abbiamo definito chi farà cosa e quando? Abbiamo già pensato a quanto ci costerà?

Target: lettori, utenti, clienti.

5. abbiamo già in mente un target? Per chi stiamo sviluppando questo progetto?

6. Perchè i nostri lettori/clienti/utenti dovrebbero scegliere noi e non altri? A quali bisogni risponde il nostro progetto editoriale?

7. Cosa vogliono trovare nelle nostre pagine?

8. Con quale frequenza potrebbero “venire a trovarci”? Con quale frequenza potrebbero e vorrebbero interagire con noi?

9. Cosa vogliamo che facciano nei nostri spazi web? Come reagiremo ai loro interventi?

Contenuti.

10. Di cosa parleremo? Quali aspetti dei nostri prodotti presenteremo? Cosa nasconderemo?

11. Sappiamo quali tipi di contenuti (testo, video, audio, link, ecc.) pubblicheremo nel nostro progetto editoriale? Ne abbiamo le competenze? Abbiamo già qualcuno che se ne occuperà?

12. Abbiamo definito un piano relativo ai contenuti, relativamente ad una strategia più ampia? Esiste un palinsesto? Riusciremo a fornire sempre nuovi contenuti interessanti?

Spazi virtuali e non.

13. Abbiamo stabilito lo spazio (geografico/simbolico/interattivo/comunicativo) in cui muoverci?

14. Abbiamo stabilito la solidità di tali confini? Siamo disposti/capaci di superarli? Siamo in grado di gestirli?

Strumenti.

15. Quali strumenti comunicativi adotteremo (pagine statiche, news, pagine dinamiche, forum di discussione, chat, social networks, microblogging, podcast, ecc.)?

16. Sappiamo gestirli in modo autonomo? Sappiamo gestire problemi tecnici  legati alla strumentazione online?

17. Avremo bisogno di risorse esterne?

Timing.

18. Quando partiremo? Quando lavoreremo ai contenuti? Quando e quanto seguiremo la discussione online?

19. Con quale frequenza aggiorneremo il sito? Con quale frequenza aggiorneremo gli strumenti?

Eventi.

20. Abbiamo calendarizzato il nostro Progetto Editoriale? Abbiamo un palinsesto adeguato ai nostri scopi?

21. Abbiamo stabilito dei momenti cruciali, delle fasi specifiche, ecc.? Abbiamo delle ricorrenze, delle occasioni speciali, ecc.?

22. Siamo pronti ad affrontare imprevisti ed eventi importanti? In quanto tempo saremmo pronti a reagire al sistema?

Extra.

Siamo proprio convinti di voler andare online? Che è solitamente la primissima domanda che pongo a chi si vuole lanciare sul web e vuole provare l’ebbrezza della visibilità!

 

Foto: Rawich, jscreationzs, Grant Cochrane & basketman

(Prima versione: Ottobre 2008

Rivisto e corretto: giugno 2011)

Nessun Commento

Trackbacks/Pingbacks

  1. Realizzare il tuo sito web: fai da te o web agency? | Flatland - [...] Detto questo come scegliere la soluzione più adatta alle tue esigenze? Semplice, ponendoti alcune domande chiave (a cui aggiungerei ...